Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2015

Pappa al pomodoro

Immagine
"Viva la pappa-pappa col po-po-po-po-po-po-pomodoro. Viva la pappa-pappa che è un ca-po-po-po-po-po-polavoro...." Così cantava Rita Pavone nelle vesti di Gianburrasca, un ragazzino un po' monello e molto affamato. Una storia ambientata nella Toscana ai primi del '900. È proprio lì che nasce questo piatto tipico della cucina povera che ancora una volta ci insegna come riciclare il pane raffermo in maniera gustosa.


Ingredienti (ricetta per 4 persone)
5/6 fette di pane pugliese raffermo 600 gr. di pomodori ramati 1/2 cipolla Basilico Sale e pepe 1/2 litro di brodo vegetale Olio extravergine di oliva
Procedimento
Scottare i pomodori in acqua bollente praticando una piccola incisione a forma di x. Spellare i pomodori ed eliminare i semi poi tagliarli poi tagliarli a cubetti. Nel frattempo far soffriggere la cipolla in poco olio, unire i pomodori e lasciar appassire per alcuni minuti, poi aggiungere il brodo vegetale. Regolare il sapore con sale e pepe, poi unire il pane tag…

La panzanella

Immagine
La panzanella è una ricetta povera che ha origini contadine ed ha come base il pane raffermo e il pomodoro fresco. Nel tempo sono stati integrati nuovi ingredienti dando vita a numerose varianti. La versione toscana, alla quale mi sono ispirata, è un ottimo piatto estivo, fresco e ricco di vitamine.


Ingredienti (ricetta per 4 persone)
8 fette di pane pugliese raffermo 6 pomodori ramati 1 cipolla dorata 1 Cetriolo Basilico Sale e pepe Acqua Olio extravergine di oliva 1/2 bicchiere di aceto
Procedimento
Mettere a bagno il pane raffermo in acqua e aceto e lasciarlo il tempo per farlo ammorbidire. Dopodiché scolarlo, spezzarlo grossolanamente e metterlo in una insalatiera. Tagliare a pezzi i pomodori scolandoli del liquido in eccesso ed aggiungere al pane insieme alla cipolla tagliata a rondelle e il cetriolo a fettine. Condire con sale, pepe e olio extravergine di oliva, infine guarnire con del basilico fresco. Mescolare e riporre nel frigorifero per almeno mezz'ora per gustarla fredda…